Ciao, sono Roberto e ti do il benvenuto sul mio sito web e oggi ti parlerò dell’importanza delle parole chiavi in ottica SEO e di come sceglierle efficacemente per il tuo sito utilizzando un semplice elenco di controllo di 5 punti. Iniziamo con capire di cosa stiamo parlando

Quindi cosa sono le parole chiave nel contesto della SEO?

Semplicemente sono solo parole e frasi che le persone digitano nei motori di ricerca per trovare ciò che stanno cercando. Per esempio, se stai comprando scarpe da corsa, potresti cercare a parole chiave come “scarpe da corsa da uomo” o solo semplicemente “scarpe da corsa”.

Ora, le parole chiave sono davvero molto importanti nella SEO perché impostano l’intera fondamenta per l’ottimizzazione dei motori di ricerca. L’obiettivo base della SEO è di posizionare le tue pagine per parole chiave che il tuo pubblico obiettivo o i tuoi clienti stanno cercando.

E se non ti stai posizionando per parole chiave che si stanno attivamente cercando, allora i tuoi sforzi SEO sono di fatto inutili. Per esempio, siamo posizionati al primo posto per la query “agenzia web“. E questa parola chiave è responsabile di portarci all’incirca 1.500 visitatori mensili da Google ogni mese.

La ricerca di parole chiave è il processo di scoperta delle parole chiave che le persone stanno inserendo nei motori di ricerca.

Come scegliere parole chiave che vale la pena porsi come obiettivo?

Vediamole attraverso un elenco di controllo che dovrebbe aiutarti a scegliere efficacemente le parole chiave.

Verifica se la tua parola chiave ha domanda di ricerca (Volume di ricerca mensili parola chiave)

La prima cosa da controllare è se la tua parola chiave ha domanda di ricerca. La domanda di ricerca rappresenta il volume delle ricerche mensili effettuate per una parola chiave. E questo è misurabile con una metrica della parola chiave che chiamiamo “volume di ricerca”.

Per esempio, la query “km in miglia” ottiene una ricerca circa 478.000 volte al mese solo negli Stati Uniti. è perché Google ha un comodo calcolatore proprio qui per poter risolvere il problema dell’utente di ricerca. Quindi solamente il volume di ricerca potrebbe essere un po’ ingannevole.

Verifica il potenziale di traffico della parola chiave (potenziale traffico)

Ed è per questo che val la pena controllare il secondo punto di controllo che è la verifica del potenziale di traffico dell’argomento. Il potenziale di traffico rappresenta il traffico totale di ricerca che puoi avere se ti posizioni in cima a Google per la tua parola chiave.

Analizziamo la parola chiave “agenzia web“.

Ci posizioniamo al #1 per la query “agenzia web” e ci manda all’incirca 1.500 visite mensili dall’Italia.

Ma se guardiamo al totale traffico organico globale alla pagina, potrai vedere che otteniamo all’incirca 3.000 visite mensili da Google ogni singolo mese. Ed è perché questa pagina si posiziona per oltre 100 parole chiave! E questa pagina non rappresenta un’anomalia. In media le pagine in cima si posizionano per circa un migliaio di altre parole chiave nelle prime 10 posizioni.

Quindi mentre potresti fare ottimizzazione delle tue pagine per una parola chiave principale, la tua pagina probabilmente si posizionerà per centinaia o forse migliaia di altre parole chiave rilevanti.

E per questo motivo il potenziale di traffico di ricerca mensile dell’argomento “agenzia web” è di fatto maggiore del suo volume di ricerca mensile.

Questo è ciò che rende il potenziale di traffico una metrica più affidabile rispetto al volume di ricerca.

Ed il modo per determinare il potenziale di traffico è guardando a quanto traffico stanno ottenendo le pagine posizionate in cima alla Serp di Google. SERP (“search engine results page“).

Il prossimo punto nel nostro elenco di controllo è quello di valutare il potenziale di business della parola chiave o argomento.

Valutare il potenziale di business della parola chiave.

Il potenziale di business rappresenta semplicemente il valore che ha una parola chiave per la tua attività.

E il “valore” è di fatto legato alla tua nicchia così come al tuo modello di business.

Quindi un modo facile per farlo è assegnando dei punteggi tra 1 e 3 alle parole chiave che stai ricercando. Maggiore è il numero, più importante è l’argomento per la tua attività.

Ipotizziamo quindi che tu abbia un sito sul golf. Ed il modo in cui fai soldi è vendendo mazze da golf usate. Tornando al potenziale di business, questo significa che gli argomenti dove puoi organicamente consigliare prodotti ai visitatori ti potranno dare il maggior valore per l’attività.

Per esempio, le persone che stanno cercando qualcosa come “acquisto mazze golf usate” sono probabilmente pronte a fare un acquisto subito. Quindi nei miei registri, questo avrebbe un valore business di 3.

Ora, una parola chiave come “migliori mazze da golf” sarebbe comunque rilevante per il tuo sito. Le persone probabilmente saranno quasi pronte ad acquistare ma non sanno quale mazza comprare. Ma è abbastanza facile indicare i tuoi prodotti. Grazie alle mazze da golf che puoi consigliare, puoi facilmente creare link alle tue pagine prodotto accompagnando i visitatori più vicini all’acquisto. Quindi darei a questa un valore business di 2.

Ora, una parola chiave come “cos’è un handicap nel golfsarebbe molto difficile per consigliare organicamente i tuoi prodotti. Ciò nonostante, è un modo per attrarre traffico rilevante verso il tuo sito. Quindi gli darei un valore business di 1. Quindi queste avranno la priorità più bassa.

E tutto ciò che ha un punteggio di 0 è probabilmente il caso di ignorarlo perché non avrà alcun impatto sulle tue vendite.

Bene, il prossimo punto di questo elenco di controllo è vedere se puoi creare una corrispondenza con l’intento di chi cerca.

Capire quale è l’intento di ricerca di una parola chiave

L’intento di ricerca rappresenta il motivo dietro ad una query dell’utente di ricerca. Ed il modo in cui la determiniamo è guardando alle pagine prime in classifica per la parola chiave per la quale vogliamo posizionarci.

Per esempio, ipotizziamo che tu abbia un blog di ricette e voglia posizionarti per “forno tostapane“.

Guardando alle pagine prime in classifica, potrai vedere che quasi tutte le pagine sono pagine di categoria di eCommerce. Questo ci dice che l’intento dell’utente di ricerca è quello di acquistare o almeno di vedere diversi forni tostapane in vendita.

Quindi a meno che tu possa soddisfare davvero l’intento di chi cerca, è improbabile che ti sarai in grado di posizionarti in alto per questa query.

Determinare le possibilità e la difficoltà di posizionarsi sulla prima pagina di Google.

Il punto finale di questo elenco di controllo è la determinazione se puoi posizionarti per la tua parola chiave.

Il volume di ricerca, il potenziale di traffico, e il potenziale business non hanno alcun significato se non puoi posizionarti per la tua parola chiave in un futuro non molto distante. E capire il livello di difficoltà per posizionarsi per una parola chiave data richiede un po’ di analisi e pratica.

La valutazione della difficoltà di posizionamento è padroneggiare questo processo ti aiuterà ad avere risultati prevedibili nella SEO. Quindi, scegliere effettivamente le parole chiave si riduce nel trovare un bilanciamento in questo elenco di controllo.

Devi chiedere a te stesso, questo argomento porta abbastanza traffico ed ha valore di business perché lo sforzo ne valga la pena?

E questa è la domanda che dovresti chiedere a te stesso prima di creare pagine con l’intento di posizionarti nella ricerca. E questi 5 punti nell’elenco di controllo sono esattamente ciò che devi controllare prima di indirizzare la tua strategia SEO su una parola chiave.

5/5 - (2 recensioni)
nv-author-image

Roberto Iozzo

Sono un web designer e mi occupo di realizzazione siti web dal 2008. Realizzo siti web per aziende e privati, costruiti con uno scopo ben preciso, portare risultati concreti e aumentare i profitti dei miei clienti.